martedì 15 gennaio 2013

Print
L'ingresso del museo
Nel mio estenuante week-end romano sono riuscito (banfata clamorosa, visto che era una delle tappe in programma!!!) a trovare il tempo di visitare il ViGaMus, il primo ed unico (spero di non aver esagerato con gli aggettivi) museo italiano interamente dedicato ai videogame ed alla loro storia. E così, dopo "Il dizionario di Videogiochi" (DVG per gli amici!), anche PC Retro Games varca la soglia di questa tempio del retrogaming. Ma, mentre i "colleghi" (metto le virgolette perché non mi reputo alla loro altezza, e non il viceversa) Mauro Corbetta e Andrea Pastore sono stati accolti in pompa magna, io ho preferito presentarmi mantenendo un basso profilo. E così, proprio come un critico gastronomico che si reca in incognito in un ristorante per valutare le doti delle chef  (non come Gordon Ramsay che manda a cagare direttamente senza tanti preamboli), eccomi a qui a riportarvi le mie impressioni e le mie valutazioni senza ovviamente risparmiare le critiche.
Il ViGaMus si trova nella parte nord di Roma ed è facilmente raggiungibile tramite diverse linee di autobus urbani, l'unico consiglio che vi do è quello di evitare di partire subito dopo i pasti visto che, gli autisti romani guidano come dei pazzi e le strade di sampietrini non facilitano la digestione. Giunto quindi in quel di Via Sabotino 4, davanti ai miei occhi si staglia un palazzo sul cui ingresso troneggia uno striscione su cui si legge l'acronimo ViGaMus (che per chi non l'avesse capito, come testimonia il l'immagine poco sopra, sta per VIdeo GAme MUSeum); a guardia dell'ingresso i "simpatici" alieni di Space Invaders pronti ad attaccare ogni malintenzionato.
Cheese!!!
Una volta scese le scale, il museo si trova al pianto interrato, ci si sente subito a "casa": i suoni semplici di un tempo, dal dolce sapore sintetico, che ci hanno accompagnato per tanti pomeriggi ci sono tutti e sul maxi-schermo all'ingresso scorrono immagini che fanno riaffiorare alla mente teneri ricordi. I due simpatici ragazzi all'ingresso mi accolgono con un sorriso e sono ben disposti a darmi spiegazioni su come l'esposizione sia organizzata, su come sia stato "raccolto" il materiale e sugli eventi in programmazione (compreso lo speciale dedicato a "Ralph Spaccatutto", nuovo film di animazione della Disney che dalla cultura dei videogiochi pesca a piene mani).
Dopo aver corrisposto il prezzo d'ingresso, inizio a seguire il sentiero marcato dall'immortale Pac-Man e dalle sue golosissime palline: davanti ai miei occhi si spalanca buona parte della storia dei videogame.  Ordinatamente esposti in bacheche, poste al centro e ai lati di un lungo stanzone, si trovano i computer e le console che hanno fatto la storia di un'arte ormai quarantennale. Ogni pezzo è accuratamente etichettato, con nome e data di produzione, e le pareti sono "adorne" di interessanti monografie che trattano personaggi, giochi e sistemi che particolarmente si sono distinti in questa lunga evoluzione. Grazie a questo meticoloso lavoro classificazione, mi sono tolto lo sfizio di vedere in prima persona alcuni pezzi che fino all'altro giorno avevo potuto ammirare solo sulle pagine del web: il piccolo e carinissimo ZX81, il fantasmagorico (per i tempi) ColecoVision, l'inutile CD-I della Philips ed il tanto decantato TI-99 della Texas Instruments (si Gekido, lo conoscevo solo grazie al tuo splendido articolo su Re.BIT!!!). E se alcuni pezzi li conoscevo solo di nome, altri li ignoravo completamente: l'APF TV FUN (scopro leggendo su Wikipedia che si tratta di uno dei tanti cloni di PONG), l'UNIVERSUM Color-Multi-Spiel (console multi-gioco basata sempre su PONG), la ZANUSSI Play-o-Tronic (la prima console italiana, ancora basata su PONG) e il Phonola Teleflipper (ancora Italia e ancora varianti di PONG).
Qua e la, fanno bella mostra giochi originali perfettamente conservati che non dimostrano assolutamente i decenni che ormai si portano sul groppone; da buon PCista, non ho potuto evitare di soffermarmi ad ammirare (e fotografare) i due floppy-disk (rigorosamente da 5 1/4) di Doom ricevuti, probabilmente per posta, da colui che ha donato questo pezzo al mueso.
Completata la traversata della lunga "navata" centrale (cercando di governare l'impulso di infrangere una vetrina, arraffare tutto il possibile per poi darmi alla fuga), mi dedico ai locali laterali in cui trovano posto: un paio di stanze con varie postazioni di gioco (compresi alcuni coin-op), un cantuccio in cui provare un postazione di gioco 3D (con tanto di occhialetti) ed un ampia sala conferenze.
Basta! Puzzle Bobble non lo sopporto più!!!

Ed è proprio in quest'ultima sala, in cui sono stati recentemente omaggiati gli amici di DVG, che il mio occhio attento si posa su quello che è ultimamente uno degli oggetti in cima alla mia lista dei desideri: il MameCAB. Mi metto a smanettare su uno dei cabinati, cercando la combinazione di tasti per andare al menù di selezione dei giochi (ponendo fine a Puzzle Bubble che ormai non sopporto più!!!), quand'ecco che vengo avvicinato da Cristiano Bei e dagli altri amici (non li cito per nome perché me li sono scordati, scusate) di IoCero.com. Il primo approccio è di tipo commerciale - "Quando costa?" :o) - ma poi la conversazione si sposta su ben altri temi dando origine ad un conversazione che ai più potrebbe sembrare surreale (un po' sto inventando ma più o meno è andata così):

Cristiano: "Lo conosci il nostro sito?"
Io: "Uhm, effettivamente no pero' provvedo subito. E tu hai lo conosci il mio blog?"
Cristiano: "Uhm, no dammi l'indirizzo"
Io: "Io scrivo su Re.BIT e curo una sezione dedicata alla programmazione assembly per C64"
Cristiano: "Allora caschi a fagiolo, io ho scritto un gioco per Nintendo DS e programmo per ORIC-1"
Io: "Ma dai che figata!! Scambiamoci l'amicizia su Facebook!"
Cristiano: "Alla grande!"

Il dialogo sui massimi sistemi si conclude con strette di mano, foto di gruppo (la trovate nella galleria al fondo del post) ed il dono di una simpatica spilletta che conserverò gelosamente.
La visita si conclude con un partitina a Fix-It Felix Jr., il coin-op a cui si ispira "Ralph Spaccatutto", i saluti di rito ed un arrivederci alla prossima visita :o)

Se a questo punto vi chiedete quali siano le mie impressioni ... bene eccole qua: l'ambiente del ViGaMus è veramente accogliente ed è un un belvedere fin dall'ingresso grazie all'evidente cura posta nella fase di allestimento. Le numerose "opere" in esposizione sono perfette e mostrano solo in minima parte i segni del tempo, che ohimè scorre impietoso. Le monografie sono interessanti e riescono, anche se in poche righe, a trasmettere con chiarezza il tema di cui trattano. Le postazioni interattive, pur se non moltissime, permettono di provare con mano alcune delle macchine più rappresentative del panorama videoludico.
Ma allora son tutte rose e fiori? Beh, non esageriamo alcuni difetti ci sono! Prima di tutto, pur essendo numerose le macchine in mostra, mancano, nella maggior parte dei casi, schede (magari anche tecniche) dei singoli oggetti (lo dimostra il fatto che per recuperare informazioni relative ad alcune console mi sono dovuto avvalere della consulenza di Wikipedia). E tenendo conto che, pur non avendo una conoscenza enciclopedica come quella di Gekido, anche io, che non mi reputo uno sprovveduto, in alcuni casi mi sono trovato spiazzato penso a cosa possa restare ad un giovanotto che vuole avvinarsi a questo mondo innegabilmente affascinante. La spiegazione che mi sono dato di fronte a questa "mancanza" è quella della carenza di spazio: il museo è effettivamente piccolino e per forza di cose gli oggetti in esposizione finiscono con l'essere un po' ammassati uno vicino all'altro. Il mio sogno sarebbe quello di avere a disposizione una postazione di prova per ogni singolo pezzo (vabbè forse sto esagerando ... però sarebbe veramente una manna!).
L'ultimo appunto (piccolo, piccolo) lo faccio al prezzo: otto eurini non sono tanti ma neppure pochi (anche se è vero che per "scalare" il cuppolone bisogno sborsare ben 5€!!) ... speriamo che i fondi servano al ViGaMus per estendere l'area espositiva e contribuire a realizzare il mio desiderio (non il MameCAB ... che cosa avete capito!!!).

Vi saluto lasciandovi un piccola galleria fotografica della mia visita ... alla prossima!!

Doom!!
Varianti di PONG ed il mitico SIMON
Ancora PONG in varie versioni
Ma quanto è carino lo ZX81!!
Sinclair power & TI-99
Handheald mania
Philips CD-I
io e DUE MITI
Foto di gruppo con IoCero.com
Postazioni di gioco varie
La regina è sempre lei!
Postazione gioco da sogno (3D)
Mitico Intellivision
ColecoVision
Pitfall, bello oggi come allora
Shigeru Miyamoto e ho detto tutto!
Felix, fagliela vedere a Ralph!!
Donkey Kong ... grande!!!
Devo aggiungere altro?
Grafica vettoriale per tutti con Vectrex
Tutto Commodore!
Italian do it better
Ancora io e i DUE MITI
Una giovane guidatrice
La fidanzata di tutti i retrogamer!!
Nintendo a go-go

4 commenti:

  1. Bella Tex...finalmente sei tornato!!!

    Ottimo articolo...mi hai davvero fatto venir voglia di visitare il ViGaMus(anche se ormai sono mesi che medito una visitina a Roma...)!!

    Quasi quasi...

    RispondiElimina
  2. ehehehe ... ciao Rob ... sono tornato e spero di avere un po' più di tempo da dedicare al mio blog!

    La visita al ViGaMus è stata una buona scusa per tornare a scrivere :o)

    Se ti capita di passare da Roma dire che un giro al ViGaMus ce lo devi proprio fare!!!!

    A presto ...

    RispondiElimina
  3. Azz!!! Ultimamente la vita privata mi sta debilitando, mi ha fatto dimenticare persino di questa opera d'arte di TEX.

    Finalmente un punto di vista obbiettivo come da tempo ci si aspettava per questo VIGAMUS, che tanto ha fatto parlare in questi ultimi 4 anni.

    Un po' meno caos e po' piu di informazione. La storia dell'informatica non è un settore da prendere in secondo piano, fa parte dell'evoluzione tecnologica umana e come tale è stata anche riconosciuta. Allora non sfruttiamo questo riconoscimento solo per scopi di lucro, imponiamoci una missione, quella di tramandare cio' che è stato dell'informatica alle generazioni future a scopo culturale....siamo noi i posteri di questo settore....nessuno disinteressato lo farà per noi. FACCIAMOLO PER BENE A SCOPO UMANO!

    Scusa lo sfogo Tex! Ma quando vedo che anche nel settore del retrogaming i soldi sembrano lo scopo finale, parto di quinta e inizio a "sparlare" XD

    Ma credo che il messaggio sia piuttosto chiaro!

    Come sempre sei un Eroe TEX!!! RIMANI CON NOI!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti volevo presentarvi il mio nuovo blog dedicato ai meravigliosi giochi anni '80
    http://www.arcade80.com
    Vi aspetto numerosi!
    Buon divertimento! :)

    RispondiElimina